© 2017 Avv. Roberto Colantonio

  • LinkedIn Social Icon
avv. Roberto Colantonio
Oct 29, 2017

Opere d'arte in Italia e dichiarazione dei redditi

0 comments

In un Paese dove si tassa tutto - l'impressione almeno è quella, compresa, a intermittenza politica, la prima casa - ma la buona notizia è che in Italia le opere d'arte non vanno inserite nel modello 740. Con dei distinguo importanti.

L'argomento è trattato in Roberto Colantonio, Guida fiscale del collezionista d'arte contemporanea. Iemme Edizioni, 2017.

New Posts
  • avv. Roberto Colantonio
    Jan 9, 2018

    Il professionista, l'artista o l'imprenditore individuale il quale si serva di un solo collaboratore adibito a mansioni di segreteria o, comunque, mansioni meramente esecutive, non è soggetto all'IRAP. Infatti, l'apporto recato all'attività del professionista dalle suddette risorse materiali e umane integra il requisito dell'autonoma organizzazione solo ove esso ecceda, secondo l'id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività professionale, requisito non sussistente nella fattispecie in esame alla luce della prodotta documentazione ove si rinviene unicamente un'indispensabile strumentazione a corredo dello svolgimento dell'attività lavorativa. Infatti, dal libro dei cespiti ammortizzabili risulta la dotazione di computer, fax, stampante e programma applicativo, pertanto, si tratta di un'attività che esula dall'applicazione dell'IRAP. Comm. trib. reg. Campobasso, (Molise), sez. II, 06/11/2017,  n. 657 Se desidera copia della sentenza per esteso ed altre pronunce giurisprudenziali in senso conforme o difforme o per maggiori informazioni, ci contatti all’indirizzo email: info@studiocolantonio.com
  • avv. Roberto Colantonio
    Jan 9, 2018

    Non è soggetto all'Irap l'artista che non organizza gli eventi e non ne è il responsabile, anche a fronte di guadagni elevati da tale attività. Cassazione civile, sez. trib., 13/12/2017,  n. 29863
  • avv. Roberto Colantonio
    Oct 29, 2017

    Alle opere d'arte acquistate, a titolo oneroso o gratuito, per atto inter vivos o mortis causa, da privati, non si applicano imposte sul reddito. E se il privato, nel vendere l'opera d'arte realizza una plusvalenza? L'argomento è trattato in Roberto Colantonio, Guida fiscale del collezionista d'arte contemporanea. Iemme Edizioni, 2017.
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now